Benessere sessuale: un’ interessante iniziativa promossa dal sistema sanitario australiano

Se siete alla ricerca di qualche notizia davvero interessante, siete sicuramente capitati nel posto giusto, dato che stiamo per parlare di un post su Instagram dell’autorità sanitaria australiana, chiamato queenslandhealth, che promuove la masturbazione. “Datevi una mano: i benefici della masturbazione” è il titolo di questo post che, ne siamo sicuri, è destinato a diventare virale.
Sì, perché i benefici della masturbazione sono moltissimi e non solo dal punto di vista fisico, come vedremo, ma anche dal punto di vista del benessere psicologico: le endorfine che questo gesto libera sono una grande fonte di energia per la nostra psiche, per non dire dell’ossitocina! Quando abbiamo un orgasmo, infatti, le cellule nervose dell’ipotalamo rilasciano nel sangue questa molecola, detta anche “molecola dell’amore”, capace di indurre sentimenti di ottimismo, aumentando fiducia e autostima; senza contare che avere un orgasmo è un metodo pressoché infallibile per allontanare uno dei più grandi problemi del nostro tempo: lo stress.
In Australia, invece, succede: certo, non ci consiglieranno il loro marchio favorito di vibratori o di plug anali, purtroppo, ma il consiglio è intelligente e efficace per vari motivi. Volete sapere quali? Non vi resta che proseguire nella lettura delle prossime righe!

Perchè è importante il benessere sessuale: benefici a 360 gradi

L’autorità sanitaria australiana è preoccupata per la salute, fisica e mentale, dei suoi cittadini: ecco, sostanzialmente, per quale motivo ha deciso di pubblicare un post così forte su un canale tanto virale come Instagram.
Sì, perché masturbarsi migliora la salute sotto molti punti di vista: per quanto concerne gli uomini, ad esempio, una ricerca ha provato che quelli che hanno una media di 21 orgasmi al mese hanno il 30% in meno di possibilità di incorrere nel pericoloso cancro alla prostata. Nelle donne, poi, gli orgasmi aiutano a regolare il flusso mestruale e alleviarne gli spiacevoli crampi, allenano il pavimento pelvico (utilissimo in caso di parto) e, grazie al ricambio di fluidi, allontanano il rischio di fastidiose infezioni batteriche, come la candida.
Oltre a questo, masturbarsi aiuta a conoscersi in un campo che, a causa dell’indigestione di porno avvenuta negli ultimi decenni, ci vede sempre meno consapevoli del nostro corpo e di cosa ci procuri o meno piacere, in favore di performance che poco o niente hanno a che fare con ciò che ci piace: il nostro rapporto con noi stessi, con ciò che abbiamo capito piacerci e cosa no, è insomma fondamentale anche (e soprattutto) in un rapporto con l’altro.
Consapevolezza del nostro corpo, di cosa ci procura piacere, meno rischi di contrarre malattie anche molto gravi: questo e molto altro è il dono nascosto nella frase “diamoci una mano”.

Oltre a questo, il parlamento australiano si sta facendo promotore di una forte campagna di educazione sessuale nelle classi dei ragazzi: questo perché è stato studiato che, in media, il primo contatto con la pornografia avviene ormai a 10 anni e questo genere di imprinting, basato sulla performance a tutto scapito del piacere, rischia di essere davvero letale per la salute psichica e sessuale delle future generazioni.
Riconciliarsi con un’idea del sesso consapevole, consensuale, libera di dire ciò che piace e ciò che non piace, è sempre più necessario.